18-23 settembre 2017: Settimana di Prevenzione dell’Invecchiamento Mentale

Man a mano che si avanza con l’età, i processi cognitivi, tra cui soprattutto l’attenzione, la memoria, il linguaggio, il ragionamento, tendono a diventare più lenti e meno precisi. Sono disponibili sempre più metodi e strumenti per valutare il declino cognitivo, e più in generale il livello di funzionamento dei propri processi cognitivi. Purtroppo però verso questi percorsi diagnostici persiste una certa diffidenza, come può essere evidente da questa risposta di un signore a cui stavo spiegando in cosa consiste un check-up delle proprie funzioni cognitive: “Ah ho capito, si vede quanto si è rimbambiti! Adesso lo propongo a mia moglie… vedi poi come mi picchia!”.

Forse questa diffidenza è legata al timore che non sia possibile fare nulla per fermare o rallentare questo declino, e spinti da questa convinzione si può commettere l’errore di non controllare mai l’effettivo livello di funzionamento dei propri processi cognitivi. In un certo senso, il ragionamento inconsapevole che si fa è: visto che non è possibile farci nulla, che senso ha sapere quanto negli anni sono peggiorato?

In realtà le cose non stanno così, in quanto è possibile fare veramente molto per mantenere un buon livello di funzionamento delle proprie funzioni cognitive, e sono disponibili sempre più percorsi per potenziare e allenare la propria mente.Locandina della SPIM

Per questo motivo, apprezzo molto l’iniziativa che Assomensana porta avanti da diversi anni, con una Settimana di Prevenzione dell’Invecchiamento Mentale, in cui diversi professionisti si mettono a disposizione per offrire check-up gratuiti delle funzioni mentali, e quest’anno ho deciso di partecipare anch’io.

Attraverso il link seguente è possibile selezionare la propria regione di appartenenza, la città di residenza, e scegliere il professionista presso il quale effettuare il check-up.

http://www.assomensana.it/Prevenzione/settimana-di-prevenzione-invecchiamento-mentale-2017.php

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *